Aleksandr Vovk

Ucraina, forze pro-Mosca imprigionano e torturano civili

Ucraina, forze pro-Mosca imprigionano e torturano civili

Aleksandr Vovk, membro del Sindacato Indipendente dei minatori ucraini di Novogradovka, rapito da forze anti-Kiev il 4 maggio e rilasciato il 5 maggio. © 2014 Human Rights Watch

Le autorità autoproclamate in Ucraina orientale dovrebbero immediatamente rilasciare le persone detenute e porre fine ai rapimenti messi in atto dagli uomini armati che agiscono per conto loro. Il destino di decine di prigionieri rimane sconosciuto, e coloro che sono stati rilasciati e successivamente intervistati da Human Rights Watch hanno testimoniato gravi maltrattamenti.

“Uomini armati affiliati alle forze anti-Kiev hanno rapito attivisti, giornalisti e funzionari locali “, ha detto Anna Neistat, direttore del programma associato presso Human Rights Watch. “Alcuni di quelli che sono già stati rilasciati sono lividi e feriti, mentre non si conosce il destino di decine di altri.”

Tutte le parti coinvolte hanno la responsabilità di rispettare i diritti umani, e le autorità che esercitano il potere sul territorio devono garantire che le forze sotto il loro controllo non violino i diritti umani. Le autorità ucraine, compresa la polizia, dovrebbe adottare tutte le misure possibili per adempiere ai loro obblighi di proteggere la popolazione dagli abusi da parte di tutti i gruppi armati e di punire chi commette abusi.

Fonti:

www.hrw.org

Flaviano Tarducci
Pubblicato su Segnali di fumo – il magazine sui Diritti Umani www.sdfamnesty.org

Advertisements