Bloomberg

Mondiali 2014 Brasile previsioni Bloomberg

Da domani entreremo nel mese dei Mondiali 2014 che si terranno in Brasile dal 12 giugno al 13 luglio 2014.

Secondo le proiezioni per i Mondiali 2014 di Bloomberg, l’Italia perderà ai terzi di finale contro la Spagna. La finale la giocheranno Spagna e Brasile ma il vincitore questa volta sarà il Brasile 1-0.

Quali sono le tue previsioni?

Fonti:
www.bloomberg.com

Advertisements

Denfending the Defenders

Denfending Human Rights Defenders

This is a commerce of death for the companies that place this technology in the hands of dictatorships.” – Saeid Pourheydar, Iranian opposition journalist tortured at Evin Prison.

difendere i difensori

Too often the authorities of non-democratic countries try to silence the voices of human rights defenders, penalizing their activities and intimidating them, using weapons and technology from western democratic countries. Instead of protecting the crucial role they play in the promotion and protection of human rights, state agencies can label these individuals as subversive or traitors with serious consequences for their lives and their work.

The WikiLeaks and Edward Snowden revelations have illustrated the extent to which certain technologies are able to spy on phones and devices connected to the Internet on a global scale, giving names of companies that have been involved in this industry of mass surveillance by the annual value of more than $ 5 billion, and that has had a boom in 2001 following the 9/11 attacks. This includes companies that sell products able to offer to the end user a remote control on computers, like hackers do, allowing mass interception of communications.

Mass surveillance does not have clear proportions, which means that these technologies can lead to the violation of human rights, notably the right to privacy and freedom of expression. Malware attacks  (malicious softwares) are an increasing problem for targeted groups of human rights defenders, who may be particularly vulnerable due to limited resources or lack of security awareness. Those who know they are vulnerable targets should be careful when using email, Skype or other communication systems. In particular, in the emails you need to be vigilant about file attachments and links, even from friends.

difendere i difensori

To maintain high security standards is crucial that activists and dissidents use special precautions concerned to handling sensitive data, anonymous surfing on the web and permanently deletion of data. A free software for data encryption is called TrueCrypt. For anonymous browsing you can use Tor, in this way you can get around with navigation blocks, or use hidden service functions to create anonymous blogs, leaking systems and management of confidential sources. Likewise the complete deletion of sensitive data from hard drives can be vital to a dissident – a free advanced security tool called Eraser could be of great help.

Because of the secret and confidential nature of their activities, companies in the private security sector have gradually gained a sense of impunity. The products of these companies have been found in Bahrain, Libya and Ethiopia, among other countries, and have been used to fight pro-democracy activists, journalists and political opposition. When citizens overthrew the dictatorships in Egypt and Libya, they found rooms properly equipped to spy them in their efforts both online and over the phone, where there were devices of various foreign companies: the British Gamma International, the French Amesys, the South African VASTech and the Chinese ZTE Corp.

Privacy International, a UK based charity that “defends the right to privacy across the world”, has created a freely accessible database, which lists 338 companies headquartered in Western countries that sell surveillance technologies to countries with repressive regimes that intend to use it as an instrument of political control. Matthew Rice of Privacy International said that sourveillance companies perform marketing and sales of the most powerful, dangerous and invasive surveillance technologies in the world, maintaining relations with repressive regimes to which they have sold their products. Examining the database turns out that at least 5 companies in the Milan area are directly involved in the sale of surveillance services to authoritarian governments: RCS from Milan; Digint from Garbagnate Milanese; Spektra from Busto Arsizio; Area from Vozzola Ticino and Hacking Team from Milan.

defending the defenders

Privacy International

Hacking Team located in via della Moscova in Milan declares on its website thath they “do not sell products to governments or to countries blacklisted by the U.S., E.U., U.N., NATO or ASEAN” but “only to government agencies” in order to “fight crime in six continents.” These statements are in stark contrast with a study carried out in 2013 by the NGO Citizen Lab, which shows that Mamfakinch.com, blog of Moroccan dissident activists, and Ahmed Mansoor, a human rights activist based in the United Arab Emirates, have been victims of the surveillance system sold by Hacking Team.

The Area company, was installing a $ 13 million worth surveillance system in Syria, but fortunately, after the start of the Arab Spring, a Bloomberg survey showed the underhand Area’s project forcing it back. We should not be surprised that Italian companies trade with Syria since Italy is the European country that sells more military equipement to Bashar al-Assad, whom use it against civilians and rebels.

The European Union and its members were awarded of the Nobel Peace Prize in 2012 for “progress in the peace and reconciliation” and for ensuring “democracy and human rights.” Europe can not make a double play behaving well inside and bad outside. Each company or country that sell surveillance technologies to non-democratic regimes is complicit in crimes against humanity. Its contribution to the violation of human rights can no longer be tolerated. All over the world companies must respect human rights, including those in the technology field.

The market of surveillance technologies is growing, it is therefore necessary to update the rules for the export of these powerful tools of electronic surveillance. Italian companies that sell surveillance technologies should be subject to the same laws of those companies exporting weapons, namely the prohibition on sale to countries in conflict, which violate human rights or so-called Heavily Indebted Poor Countries. The internet is a great opportunity of our century, has provided new opportunities to the world. It is normal for some people and companies to earn money using the internet, but it is intolerable that this happens at the expense of other human lives.

Flaviano Tarducci 20/02/2014

Published in Segnali di fumo – magazine for Human Rights www.sdfamnesty.org

Difendere i Difensori

Difendere i Difensori dei Diritti Umani

“Questo è un commercio di morte per le aziende che pongono queste tecnologie nelle mani di dittature”. – Saeid Pourheydar, giornalista dell’opposizione iraniana torturato nel carcere di Evin.

difendere i difensori

Troppo spesso le autorità di Paesi non democratici cercano di mettere a tacere le voci dei difensori dei diritti umani, penalizzare le loro attività e intimidirli, utilizzando armi e tecnologie provenienti da Paesi democratici occidentali. Invece di proteggere il ruolo cruciale che svolgono nella promozione e tutela dei diritti umani, le agenzie di stato possono etichettare questi individui come sovversivi o traditori con gravi conseguenze per la loro vita e il loro lavoro.

Le rivelazioni di WikiLeaks ed Edward Snowden hanno illustrato fino a che punto alcune tecnologie riescano a spiare telefoni e dispositivi collegati a internet su scala globale, indicando nomi di società e di stati che si occupano di questa industria della sorveglianza di massa dal valore annuale superiore ai 5 miliardi di dollari, e che ha avuto un boom nel 2001 dopo gli attentati alle Torri gemelle di New York. Ne fanno parte aziende che vendono prodotti in grado di offrire all’utilizzatore finale un controllo remoto sui computer, come fanno gli hacker, consentendo un’intercettazione di massa delle comunicazioni.

La sorveglianza di massa non ha proporzioni chiare e delineate, ciò significa che queste tecnologie possono portare alla violazione dei diritti umani, in particolare il diritto alla privacy e alla libertà di espressione. Attacchi malware (programmi malevoli) mirati sono un problema crescente per gruppi di difensori dei diritti umani, che possono essere particolarmente vulnerabili a causa di risorse limitate o mancanza di sensibilizzazione alla sicurezza. I soggetti che sanno di essere dei possibili target, dovrebbero fare attenzione quando utilizzano le email, Skype o altri sistemi di comunicazione. In particolare nelle email è necessario essere vigili su file e link allegati, anche se provenienti da amici.

difendere i difensori

Per mantenere uno standard elevato di sicurezza è fondamentale che attivisti e dissidenti utilizzino delle particolari precauzioni riguardanti il trattamento di dati sensibili, la navigazione anonima sul web e la possibilità di cancellare definitivamente dati. Un software gratuito in grado di crittografare i dati si chiama TrueCrypt. Per la navigazione anonima è possibile utilizzare Tor, in questo modo si possono aggirare blocchi alla navigazione, oppure utilizzare le funzioni hidden service, per creare blog anonimi o sistemi di leaking e di gestione di fonti confidenziali. Anche la cancellazione definitiva di un file può essere vitale per un dissidente, esiste un programma gratuito chiamato Eraser in grado di cancellare file correttamente.

Per via della natura segreta e riservata delle loro attività, le aziende del settore della vigilanza privata hanno progressivamente ottenuto un senso di impunità. I prodotti di queste società sono stati trovati in Bahrain, Etiopia e Libia, tra gli altri Paesi, e sono stati utilizzati per combattere attivisti pro-democrazia, giornalisti e opposizione politica. Quando i cittadini hanno rovesciato le dittature in Egitto e Libia, hanno scoperto stanze debitamente attrezzate allo spionaggio di ogni loro iniziativa sia online che per telefono, dove erano presenti dei dispositivi di diverse società straniere: la britannica Gamma, la francese Amesys, la sudafricana VASTech e la cinese ZTE Corp.

Privacy International, una ong che combatte per il diritto alla privacy, ha creato un database liberamente accessibile, dove sono elencate 338 aziende con sede nei Paesi occidentali che vendono tecnologie di sorveglianza a Paesi con regimi repressivi che intendono usarle come strumento di controllo politico. Matthew Rice di Privacy International spiega che le società di sorveglianza svolgono marketing e vendita delle più potenti, invasive e pericolose tecnologie di sorveglianza al mondo, mantenendo relazioni con i regimi repressivi ai quali hanno venduto i loro prodotti. Dal suddetto database risulta che nel Milanese ci sono almeno 5 società coinvolte direttamente nella vendita di servizi di sorveglianza a governi autoritari: la RCS di Milano; la Digint di Garbagnate Milanese; la Spektra di Busto Arsizio; la Area di Vozzola Ticino e la Hacking Team di Milano.

Hacking Team di via della Moscova dichiara nel suo sito di “non vendere alle nazioni inserite nella blacklist degli Stati Uniti, Nato, Ue” ma “solo ad enti statali” con lo scopo di “combattere il crimine in 6 continenti”. Queste dichiarazioni sono in palese contrasto con una ricerca effettuata nel 2013 dalla ong Citizen Lab, la quale dimostra che Mamfakinch.com, blog di attivisti dissidenti marocchini, e Ahmed Mansoor, attivista per i diritti umani con sede negli Emirati Arabi Uniti, sono stati vittime del sistema di sorveglianza commerciale venduto dalla milanese Hacking Team.

La società Area invece, stava installando in Siria un sistema di sorveglianza dal valore di 13 milioni di dollari, ma fortunatamente, dopo l’inizio della primavera araba, un’inchiesta di Bloomberg ha rivelato tutti i retroscena del progetto costringendo Area a un dietrofront. Non dobbiamo comunque stupirci che aziende italiane collaborino con la Siria visto che l’Italia è il Paese europeo che vende più armamenti militari alla Siria di Assad, che li utilizza contro civili e ribelli.

Difendere i Difensori

All’Unione Europea e ai suoi membri è stato assegnato il premio Nobel per la pace 2012 per i “progressi nella pace e nella riconciliazione” e per aver garantito “la democrazia e i diritti umani”. L’Europa non può fare il doppio gioco comportandosi bene dentro e male fuori. Ogni compagnia o Paese che vende tecnologie di sorveglianza a regimi non democratici è complice di crimini contro l’umanità. Il loro contributo alla violazione dei diritti umani non può più essere tollerato. In tutto il mondo le aziende devono rispettare i diritti umani, comprese quelle del settore tecnologico.

Il mercato delle tecnologie di sorveglianza è in continua crescita, è quindi necessario aggiornare le norme per l’esportazione di questi potenti strumenti di sorveglianza elettronica. Le società Italiane che vendono tecnologie di sorveglianza dovrebbero essere soggette alle stesse leggi che regolano le aziende esportatrici di armi, cioè il divieto di vendita a Paesi in conflitto, che violino i diritti umani o che si definiscono “nazioni povere pesantemente indebitate”. La rete è una grande opportunità del nostro secolo, ha fornito nuove occasioni al mondo intero. È normale che alcune persone e società cerchino di guadagnare soldi utilizzando internet, ma è intollerabile che ciò avvenga a discapito di altre vite umane.

Flaviano Tarducci 20/02/2014

Pubblicato su Segnali di fumo – il magazine sui Diritti Umani www.sdfamnesty.org